Home > Poesie > I bambini stanno bene

I bambini stanno bene

 
Tiziano

Collana Un libro in aiuto - Edizioni Progetto Cultura 2003

Edizioni Progetto Cultura2003 S.r.l.
diffonde questa pregevole edizione

stampata con carattere GEORGIA 11

nel mese di gennaio 2005
 

Finalista al Premio Stephen Dedalus

Libro collegato all' ONLUS Aiutare i bambini  www.aiutareibambini.it/TemplatesV3/Articolo.asp?IDArticolo=348

Saggio Introduttivo di Daniele Leoni

Presentazione di Luigina Pellegrini e Emanuele Bizzarri

 

Dedica prima: Ai bambini, tutti

Dedica seconda: Si accanisce a distruggere,
                        il terrore.

                        Ma con le sue rovine

                        nuovi castelli erigono i bambini.

                        TAGORE


Corsivo

 

Guardo

con gli occhi

delle rose

il passero caduto

dalle ciglia,

lo stelo

scuoiato nelle strade

tra il bordo e il cielo.

Il sasso

è stato colpito

al cuore

duro il fiato

polvere la ferita.

Il sole

si è levato

il mantello

per coprire

il seme

nudo

delle viole.

Hanno

strappato

gli occhi

alle conchiglie:

inverno.

I bambini

stanno bene.

 

 

 

Il lanciatore di coltelli

 

E' venuto

il lanciatore

di coltelli

a chiedermi

la grazia.

Ha colpito

il sole

al cuore

con un taglio

affilato.

Cadono

le teste delle

rose

lungo la sua

lacrima

di metallo.

Io non

ho assoluzioni

per chi

uccide

il giorno

prima dell'aurora.

 


E.R.Hughes - Notte con il traino di stelle

 

 

Alberi digiuni 

 

Ho assaporato

alberi

dal tuo sorriso.

Ti do

la metà del mio frutto,

seme raro

di luna-pesca.

Creatura

che non sei silenzio

e non sei voce,

bianca nuca

d’uccello di terra,

nell’inchino

di un girasole

hai il tuo moto incantato

di stella.

 

Fiori

 

Un fiore dalla bocca blu

in prato d’aprile,

la notte è passata

abbracciata al cielo.

Hai dato il tuo respiro

al nettare,

api laboriose

l’hanno intrecciato per te

nell’incanto della brina.

Hai freddo.

Nudo come un petalo,

bagni l’aria con le ciglia:

non hai ancora occhi

per vedere,

ma le tue mani fiutano

la luna.

E’ venuta tardi l’aurora

stamattina

e tu non l’aspettavi.

Qualcuno ha raccolto

il tuo gambo gelido

e ne ha fatto memoria.

Jacopo, per te.

 

 


A.Marino - Bambino

 

Ultima poesia, ultima strofa, ultimi versi...

da Ossezia

... Se sono parole i fuochi spenti

l’incendio scriverà

l’ultimo verso.

Cosa diremo

a Dio

e al padre?

Submenu