Home > Poesie > L'azzurro non è una parola

L'azzurro non è una parola


M.da Villacidro - Fabbricante di sogni

Dedica

Se le mie parole potessero
essere offerte a qualcuno
questa pagina
porterebbe il tuo nome
.

(A. Pozzi)

 

 

Di solo pane

 

La mia prima vita

la dedico alle margherite da campo,

la seconda ai ben-ti-voglio

la terza alle belle di notte,

la quarta a questo silenzio.

L'ultima

all'eternità.

 

 

Tertium non datur

 

Vestire a lutto

la luna:

anima nera,

sei candida.

 

 

 

G.Scalich - Sguardo nell'infinito

 

 

Un bel dire

 

Esista dal tuo

ramo la foglia,

dalla foglia

il tuo io,

dal tuo io

il tuo io.

Due volte

appena le mani,

neanche il pensiero.

Dopo è già prima,

sorriso di spina.

Quando mi sposai

con gli alberi,

una sola

era la radice,

nessuna la tempesta.

E’ tempo di chiedere

quale fu

la riva opposta

dove sostai

lieve.

 

 

Esercizi di pioggia

 

L’ortografia

della luna

interrotta

in pausa

scrivo cieli

mancanti.

Taglio il

pane vivo

sulla mia carne,

perché ero

grano

e dopo anima,

corvo per fame

in rima.

Io nella poesia

ci scampo.

 

H.Matisse - La finestra blu

 

Via Forcaglioni n°11

 

E' da questa finestra

che ho guardato il futuro

tra un fico e un ago di pino,

- retrogusto di duttile resina -.

Nella guglia turgida

di un cardo

ho contato tutti i mondi

da abitare

e ne ho fatto

stanza e stagione.

 

 

 

A. Longo - Opera 1424 Campagna siciliana

 

 

 

Vai alla COPERTINA 

 

 

Per l'acquisto: CASA EDITRICE

 

 

"Certificato di nascita di una raccolta poetica & altre mirabili fioriture" QUI

 

Submenu